Il successo dell’estetica dentale a Roma: un servizio sempre più richiesto

Estetica dentale: una branca dell’odontoiatria che può aiutare a limitare i disagi

 

L’estetica dentale è ormai un trend in forte ascesa. I dati parlano di un un’utenza tra i 20 e i 35 anni, ma il numero di persone che ricorrono a queste cure si sta allargando anche al di fuori di quella fascia d’età. Sempre più studi dentistici infatti si attrezzano per fornire questo servizio, rispondendo al bisogno di chi vuole riacquisire il sorriso, ristabilire il colore naturale dei propri denti o correggere alcuni difetti estetici.

 

Bisogna sottolineare però che l’odontoiatria estetica non pone soltanto un ‘problema’ di aspetto, perché non si può sottovalutare anche la componente psicologica e gli eventuali disagi che può provocare un difetto. L’estetica e la salute sono due elementi strettamente legati: ecco perché questa branca dell’odontoiatria non si occupa solo dei denti ma anche delle gengive, delle labbra e della zona periorale.

 

Tecniche e terapie per ristabilire il sorriso

 

Possiamo affermare quindi che tutti gli interventi che intendono ristabilire, migliorare l’estetica hanno un grande valore per il paziente perché influiscono anche sulle sue relazioni sociali e sul suo benessere.

La crescente richiesta di interventi di estetica dentale ha portato a uno sviluppo sempre maggiore di tecniche e di tecnologia: oggi infatti il paziente può pretendere un risultato quasi perfetto e denti bianchi e regolari sono un sintomo di un corpo in salute.

Questa branca dell’odontoiatria riguarda, quindi, tutte le terapie e le tecniche che hanno il fine di migliorare o riequilibrare aspetti come masticazione, articolazione, deglutizione e contemporaneamente rinnovare il sorriso.

 

A chi rivolgersi a Roma e provincia per l'odontoiatria estetica?

Chi cerca a Roma uno studio dentistico all’avanguardia, esperto in odontoiatria estetica non può che affidarsi allo Studio Kol, in Piazza dell’Alberone 31. Il plus non è dato solo dall’esperienza e dalla professionalità, dalle tecnologie a disposizione, ma anche dalla ricerca del dialogo costante con il paziente fin dalla prima visita: il caso clinico viene esaminato, studiato e approfondito allo scopo di fornire una cura quanto più possibile personalizzata. Inoltre a seguire il paziente sarà sempre lo stesso medico fin dall’inizio.

 

Tra le tipologie di intervento più praticate nello Studio Kol rientra, per esempio, lo sbiancamento dentale, il quale agisce eliminando eventuali macchie e ripristinando quello che è il colore naturale dei denti. L’intervento consiste nell’applicazione di un gel sbiancante per circa 30-40 minuti; a seconda dei casi le sedute possono essere più di una.

 

L’utilizzo di faccette dentali (sottili lamine in ceramica) invece migliora il colore, ma anche la forma e la posizione dei denti: esse vengono applicate sulla superficie esterna, senza provocare alcun dolore al paziente.

 

Grazie alla cosiddetta “ortodonzia trasparente” o "ortodonzia invisibile" – tramite l’utilizzo di mascherine trasparenti, appunto – si risolve un difetto estetico in modo non invasivo e piuttosto semplice, senza l’ausilio di elementi metallici. Il trattamento è adatto sia ai bambini sia agli adulti che desiderano un apparecchio molto meno fastidioso – ed esteticamente impattante – rispetto a quello tradizionale. Ogni mascherina è inoltre creata su misura per il paziente e si può facilmente rimuovere per il normale lavaggio e per mangiare.

 

Il paziente è al centro degli obiettivi dello Studio Kol e fin dalla prima visita avrà cura di raccogliere i suoi dati e tutte le informazioni per predisporre un migliore piano di cura personalizzato. I medici infatti effettueranno una visita approfondita, così da valutare lo stato della salute dentale e proporre il conseguente trattamento.



Vai all'articolo originale

ENDODONZIA ROMA PIAZZALE CLODIO | STUDIO KOL

 

L’Endodonzia è la scienza medica, che ha per oggetto i tessuti interni del dente, le patologie e i trattamenti correlati.

Quando questi tessuti o i tessuti che circondano la radice dentale si ammalano o danneggiano a causa di carie o traumi, il trattamento endodontico permette di salvare il dente.

Fonte: American Association of Endodontist http://www.aae.org

 

Per comprendere meglio il trattamento endodontico è utile spiegare innanzitutto l’anatomia dei nostri denti. All’interno del dente, sotto la dentina, c’è un tessuto molle chiamato polpa dentaria. Essa contiene vasi sanguigni, tessuto nervoso, tessuto connettivo. Da essa si forma il tessuto duro del dente durante lo sviluppo.

La polpa si estende dalla corona fino alla punta delle radici, dove essa si connette con il tessuto circostante, cioè con l’osso. Quando i tessuti che circondano la radice dentale si ammalano o danneggiano a causa di carie o traumi, il trattamento endodontico effettuato dagli esperti di uno studio dentistico permette di salvare il dente.

 

 

Trattamento endodontico, cura canalare o devitalizzazione del dente?

Il trattamento endodontico è un intervento odontoiatrico ambulatoriale che si rende necessario quando la polpa, ovvero il tessuto molle interno al dente risulta essere infiammata o infetta per un danno provocato da una carie profonda, dall’esito di interventi sul dente, o da un trauma che può essere grave e improvviso o più leggero ma ripetuto, che ha provocato frattura o scheggiatura o incrinatura profonda.

La polpa dentaria, un tessuto altamente specializzato costituito da arterie, vene, terminazioni nervose e cellule connettivali, contenuta all’interno dei denti, popolarmente nota come nervon nell’età dello sviluppo ha la funzione di formare la struttura portante calcificata del dente (dentina); nell’adulto, ad accrescimento completato, la polpa – ormai assottigliata – resta confinata nella camera pulpare e nei canali radicolari, con funzioni residuali di sensibilità al freddo e idratazione della dentina.

Ad alterare lo stato di salute pulpare, possono intervenire varie situazioni patologiche, la più frequente delle quali è di gran lunga la carie dentaria. Se non si interviene tempestivamente la cavità prodotta dalla carie si ingrandisce e approfondisce ed estende finché la polpa viene raggiunta dai batteri con trasformazioni irreversibili dovute all’infezione. Quando si arriva a questo stadio la cura conservativa che consente di mantenere il dente evitando l’estrazione è la terapia endodontica, o cura canalare detta più impopriamente devitalizzazione.

L’Endodonzia mira a conservare i denti che hanno ricevuto un danno grave della loro struttura che ha portato all’infezione e alla necrosi della polpa, con ripercussioni acute o croniche dei tessuti circostanti, più o meno dolorose. La moderna Endodonzia si avvale di strumenti sofisticati per la diagnosi e la terapia?

 

Quando ricorrere all’endodonzia è inevitabile?

Quando la sintomatologia caldo, freddo, dolce, salato è accompagnata da un dolore più o meno localizzato che perdura per un certo tempo successivamente allo stimolo, questo rappresenta un segno evidente della presenza di una carie già allo stato avanzato. Il danno si estende in rapida progressione e se non intercettato in tempo porta inevitabilmente a fenomeni dolorosi per infiammazione acuta e morte cellulare della polpa del dente stesso. La cura in questa fase tardiva non è più la rimozione della parte cariata e un’otturazione più o meno estesa, ma è necessitano il trattamento endodontico, quindi la cura canalare, detta anche devitalizzazione o canalizzazione. Lo Studio KOL pratica l'endodonzia a Roma Piazzale Clodio ed è un centro odontoiatrico di eccellenza.

 

Il trattamento endodontico

Il trattamento endodontico presso lo Studio KOL a Roma Piazzale Clodio consiste nella rimozione della polpa infiammata e infetta, presente all’interno del dente e per tutta la lunghezza delle radici, e nella sua sostituzione con un’otturazione permanente. Il risultato è che il dente non sarà più infetto e, dopo un’adeguata ricostruzione della corona, potrà continuare a svolgere le stesse funzioni di un dente integro. La percentuale di successo di una cura canalare corretta è, in condizioni normali, elevatissima.  Il trattamento grazie alle nuove tecniche e alle moderne apparecchiature a disposizione endodontico è ormai veloce, anche per i molari.

 

La Cura Canalare può far male?

Durante il trattamento endodontico presso lo Studio KOL il dolore è sotto controllo grazie all’anestesia locale. Un indolenzimento, che può essere soggettivamente più o meno fastidioso, può essere presente dopo la terapia, ma è facilmente controllabile con un comune analgesico.

 

L’importanza della prevenzione

Solo con il controllo periodico dal dentista – che va effettuato anche in assenza di dolore – è possibile verificarne la presenza fino dai primissimi stadi e intervenire con una terapia precoce e quindi limitata, minimizzando i danni e scongiurando dolori improvvisi e cure in regime di urgenza. Il dolore perciò, nel caso dei denti, non è un segnale di allerta affidabile e neanche un indice di gravità del danno: la soluzione è la visita periodica dal dentista. Consigliamo sempre a tutti i nostri pazienti una periodica igiene orale con annesso controllo.

 

 



Vai all'articolo originale